Caregiver & Meditazione

In che modo aiuta la meditazione?

La meditazione rilascia le tensioni che si accumulano nel nostro corpo e nella nostra mente.

Permettere allo stress di aumentare causa disturbi nel corpo e fatica nella mente.

La pratica quotidiana della meditazione impedisce l’aumento dello stress e ci guarisce a tutti i livelli.

Quando mediti e la tua aura è calma e stabile, il tuo stato influenzerà anche chi ti frequenta” spiega Bhanumathi Narasimhan, insegnante senior della meditazione Sahaj Samadhi.

Un Caregiver influenza la misura in cui un paziente risponde al trattamento e come il/la paziente vede la situazione.

Un Caregiver stressato destabilizzerà il suo paziente, mentre un Caregiver più calmo, più tranquillo trasmetterà la sua stessa energia.

La meditazione dà anche una sensazione di conforto, fiducia e sicurezza.

Anche se una malattia cambia il nostro mondo come lo conosciamo, la meditazione ci tiene radicati e forti per prepararci a quei cambiamenti.

Voglio meditare… ma come? C’è sempre bisogno di me!

Si tratta di un’istanza comune tra i Caregivers.

Qui ci sono alcuni consigli per aiutare voi e la persona di cui vi curate:

Meditate insieme: Meditate con il vostro paziente tutti i giorni. Ascoltate insieme una meditazione guidata. In caso ci siano visite, chiedete anche ai presenti di partecipare alla meditazione. Nell’essere in buona compagnia (Shanga) risiede molta energia positiva.

Meditate ovunque: Se siete in attesa dal dottore per il vostro turno o siete insieme al parco, chiudete gli occhi e meditate, anche solo per qualche minuto. Si dice che venti minuti di meditazione siano pari a quattro ore di sonno. Quindi prendetevi un poco di tempo per riposare.

Meditate in qualsiasi momento: Salvo subito dopo un pasto, si può meditare in qualsiasi momento. Così, la prossima volta che qualcuno viene a visitare il vostro paziente, allontanatevi un momento e meditate. Il vostro paziente starà bene, non vi preoccupate. E vi sentirete meglio dopo esservi presi una breve pausa meditativa.

Scrollatevi di dosso il peso: Non importa se vi sentite un po’ giù in alcuni giorni. Anche in natura esistono sia il sole che la pioggia. Trascorrete qualche minuto in più a meditare quel giorno. Anche se si ci sarà bisogno di stare lontano dal vostro paziente per qualche minuto, più forti e più felici sarete, più questo si rifletterà nella vostra capacità di cura.

Impegnatevi: investite su voi stessi. Se ci si prende un paio di minuti per guardare la televisione, navigare in Internet o ascoltare la musica, trovate il modo di dedicare qualche minuto alla meditazione. Fate tutte le vostre attività, specialmente quelle ricreative…ma ricordatevi di meditare. Questo cambierà la qualità della capacità di godere di tutte le vostre attività. Spiritualmente, la meditazione ci aiuta a sperimentare che non siamo solo il nostro corpo.
Il corpo può affrontare la morte, ma il nostro spirito è eterno. Sia che siamo nel ruolo di paziente o di chi si prende cura di un malato, questa conoscenza è una benedizione.

La vita è un dono.

Come Caregiver siamo fortunati di essere incaricati di prenderci cura di un’altra vita.

Così sorridete, curate e meditate.

La forza dello spirito umano ispira soggezione.

Con la meditazione come vostra compagna, vi meraviglierete della vostra capacità di porvi di fronte alle situazioni che dovete affrontare.

Fonte: Spunti di riflessione di Bharathy Harish, istruttore del corso di meditazione Sahaj Samadhi della fondazione Art of living

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...