Benessere Alimentare: La dieta alcalina

La preziosa regola n°4 contenuta in uno dei precedenti articoli di questo sito (https://caregiverts.wordpress.com/2018/02/08/5-buone-regole-per-prendersi-cura-di-se/) consiglia di mantenersi in buona salute, mangiando in modo sano.

Personalmente seguo un’alimentazione vegana/crudista ed è per questo motivo che ho piacere di condividere anche questo tipo di esperienza.

In particolare, grazie al tipo di alimentazione scelta, il corpo reagisce in modo da migliorare le sue funzioni e stare in buona salute. 

In fondo siamo quello che mangiamo! (Famosa citazione del filosofo Ludwig Feuerbach)

Per questo voglio parlarvi della Dieta alcalina. 

La dieta alcalina è un regime alimentare ideato da Robert O. Young e finalizzato a impedire che nel sangue si sviluppi una concentrazione troppo alta di sostanze acide.

A tale scopo, Young consiglia di consumare ogni giorno il 70-80% di alimenti alcalini e il 20-30% di alimenti acidi, basandosi sulla considerazione che un’alimentazione ricca di cibi acidi può disturbare il bilancio acido-base dell’organismo, promuovendo la perdita di minerali essenziali, come il calcio ed il magnesio contenuti nelle ossa.

Inoltre tali alterazioni favorirebbero la comparsa di un’acidosi cronica di grado lieve, che a sua volta sarebbe un fattore predisponente per alcune malattie e per un senso di malessere generale.

Infatti, secondo Young, l’eccesso di peso, la ritenzione idrica e malattie quali i calcoli renali, l’ipercolesterolemia e il cancro sono tutti riconducibili all’acidificazione del sangue.

Tra gli alimenti alcalinizzanti troviamo le verdure (specialmente gli ortaggi consumati crudi, e in particolare, gli spinaci);

le patate;

la frutta secca (mandorle, noci brasiliane, fichi, datteri, uvetta), tranne noci e nocciole;

la frutta fresca, compresa quella acida.

Entrando più nello specifico, tra gli alimenti alcalinizzanti è possibile inserire spinaci, sedano, carote, fichi secchi, cetrioli, germogli di fagioli, lattuga, ravanelli, cavolini di Bruxelless, cavolfiori e funghi.

Sono condimenti alcalinizzanti: zenzero, peperoncino, curry, salvia, rosmarino, semi di finocchio e semi di cumino.

Infine sono cereali (o pseudo-cereali) alcalinizzanti: la quinoa, il miglio e l’amaranto.

Invece i principali alimenti acidificanti, e quindi da evitare, sono: carni grasse, pesce e crostacei, salumi e affettati, uova, formaggi, prodotti da forno e di pasticceria, pizza, cereali e pasta, caffè, tè, cioccolata, cacao, aceto, spezie, dolcificanti artificiali, fritti, birra, alcolici e bibite gassate.

Un esempio di Dieta Alcalinizzante lo puoi trovare su: http://www.agrodolce.it/2016/07/10/dieta-alcalina-correttamente/

Annunci

1 Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...